NEWS

110 Famiglie più Sicure a Roncopascolo (PR) nella Grande Corte delle Grazie

COMeSER di Fidenza crea il primo impianto di videosorveglianza residenziale con 32 telecamere collegate nel parmense

Nasce in provincia di Parma, a Roncopascolo, il primo impianto residenziale di videosorveglianza con ben 32 telecamere connesse e consultabili per tutelare 110 famiglie, divise per gruppi e aree di pertinenza, realizzato, progettato, gestito dall'azienda di telecomunicazioni COMeSER di Fidenza alla Corte delle Grazie.

E' stato presentato a Roncopascolo dal Presidente di COMeSER Gianluca Scarazzini e da Riccardo Rinaldi, responsabile del Settore Videosorveglianza, Sistemi di Allarme e Gps dell'impresa che ha cuore nelle terre verdiane.

"L’obiettivo è aumentare la sicurezza reale e percepita dei cittadini. Il paese vede già attiva la segnaletica che indica come il territorio della frazione di Roncopascolo sia sottoposto al controllo di vicinato – spiega Gianluca Scarazzini -, adesso la grande Corte delle Grazie è connessa e videosorvegliata, compresa l'area dove giocano i bambini. Si tratta di un passo importante che nasce dalla collaborazione tra cittadini: COMeSER si impegna attraverso strumentazioni, tecnologie, progetti a garantire maggiore sicurezza in tempo reale in modo da permettere una efficace azione di prevenzione e presidio".

"Le famiglie potranno contare su una linea ad alta velocità, dedicata, COMeSER – aggiunge Riccardo Rinaldi, entrando nel dettaglio del progetto - solo 3 referenti del condominio potranno accedere allo storico delle videocamere, alle 32 dirette in contemporanea e fornire eventuali registrazioni su richiesta alle Forze dell'Ordine, ovviamente in caso di necessità e con il pieno rispetto della normativa sulla privacy. Le 110 famiglie sono divise in alcuni gruppi: ogni gruppo può vedere ed accedere soltanto alle telecamere in comune della propria area di pertinenza. Tutti possono, però, vedere il parco dove giocano i bambini".

"Si è trattato di un bellissimo progetto davvero a servizio della comunità- concludono Scarazzini e Rinaldi – ci siamo sentiti coinvolti e partecipi delle esigenze degli abitanti di Roncopascolo: abbiamo sentito "nostri" i loro bisogni in tema di sicurezza e crediamo sia un buon risultato essere riusciti a connettere un condominio così strutturato".

Ufficio Stampa per COMeSER
Francesca Maffini
@fmfeye