NEWS

15 Settembre - Auguriamo Buona Scuola a Tutti

insieme ad Edoardo Ermelli, 16 anni, #sempreconnesso

E' stato il più giovane cliccatore al Klickday.it progetto indetto dall'azienda COMeSER con sede a Fidenza per trovare il dito più veloce

"La mia giornata è sempre connessa! Fuori da scuola, grazie ad una applicazione che misura quanto tempo uso lo smartphone, so di essere attivo una media di 6 ore al giorno, da un minimo di 3 ore alle 14 ore nei weekend, comprendendo anche un paio d'ore al computer": ce lo racconta Edoardo Ermelli, studente di ragioneria a Parma, sedici anni e tanta voglia di mangiarsi il mondo a morsi di informatica e information technology.

"Difficile immaginare un mondo senza comunicare: per noi ragazzi è l'aspetto principale delle giornate. Il social preferito è Whatsapp, seguito da Instagram dove seguo le mie passioni calcio, pallavolo, moto, informatica, scienza e le condivido con gli amici".

Ne parliamo nella rubrica COMeSER perchè Edoardo è risultato il più giovane cliccatore al Klickday.it del 19 Giugno scorso, progetto indetto dall'azienda con sede a Fidenza per trovare il dito più veloce.

"Mi è piaciuta l'idea di mettermi alla prova con Klickday.it e così ho conosciuto meglio il mondo COMeSER: ho incontrato il Presidente Gianluca Scarazzini, persona molto simpatica, un tipo che va velocissimo come la sua connessione, molto intelligente e disponibile".

Klickday.it è un portale di reclutamento on line di “Cliccatori scelti”, disponibili ad effettuare pratiche on line per le imprese clienti COMeSER.

"Sto studiando ragioneria per dare un sostegno futuro all'azienda di mio padre ma da grande mi piacerebbe lavorare in ambito informatico, sogno diventare un programmatore, creare applicazioni utilità alla società e alle aziende. Mi piace l'idea di frequentare l'università in futuro!".

"Secondo me il futuro sarà tutto su Internet e mi affascina come la tecnologia vada sempre più avanti. Vedremo se prenderà piede la moneta virtuale come i bitcoin e come cambieranno le regole del mercato".

"L'altra faccia della medaglia dell'essere sempre connessi è un po' quello che già dicono tantissimi esperti che hanno parlato di questi argomenti anche a scuola, negli scorsi anni: casi di bullismo subiti da ragazze e ragazzi che hanno denunciato e sono riusciti a uscirne fuori. La mia filosofia è never give up, mai mollare, andare sempre avanti qualsiasi cosa succeda".

Ufficio Stampa per COMeSER
Dott.ssa Francesca Maffini

In foto: Gianluca Scarazzini Presidente COMeSER, Edoardo Ermelli, Valeria Pinetti Responsabile Marketing.